BTS WIFI

I webinar e le tavole di Bottega del Terzo Settore

Tavolo Digital "Gli strumenti di telelavoro per il team"

15 aprile 2020

Il Tavolo Digital – primo della seconda edizione delle Tavole Rotonde dei Soci – ha esplorato i principali strumenti per lavorare a distanza col team della propria organizzazione in questo momento di distanziamento, continuando a organizzare riunioni ed eventi e condividendo informazioni e documenti, tutto online.
Anche in questo appuntamento Bottega ha valorizzato l’expertise dei propri Soci mettendola a sistema e rendendola disponibile per tutti i partecipanti. Così, CISI e NEXT hanno accompagnato i partecipanti – afferenti a GRE AVPC Picena, Michele per tutti, IOM, GAL Piceno, AID, La casa di Asterione – nell’analisi dei principali strumenti di utilità e delle loro funzionalità: dalle piattaforme digitali per meeting (tra cui Google Hangouts e Meet, Zoom) ad applicazioni per la condivisione di documentazione (quali Drive, Fogli, Documenti, Moduli), mettendone in evidenza le potenzialità e i possibili ambiti di applicazione attraverso dimostrazioni e brevi esercitazioni.
Il tavolo è stato come sempre anche un’occasione di confronto sia sulle specifiche esigenze di ciascuna organizzazione per trovare nella discussione possibili soluzioni di utilità, sia ampliando il dibatto a considerazioni più ampie: sui vantaggi di usare gli strumenti digitali oltre il periodo di emergenza, accogliendoli come parte integrante dell’organizzazione interna al team (per l’efficienza che offrono nel coordinamento e nella comunicazione interna, e per la velocità nella raccolta ed elaborazione dati), su aspetti correlati alla necessità di affiancare alla conoscenza tecnica degli strumenti un diverso approccio culturale (passando da una logica lineare a una collaborativa), e sull’importanza di utilizzare la tecnologia in maniera funzionale alle relazioni umane senza che prenda il sopravvento diventando fine a se stessa.

Webinar "#Fundraising al tempo del Coronavirus"

21 aprile 2020

Il webinar ha discusso le principali questioni e criticità che stanno affrontando le organizzazioni del Terzo Settore nella raccolta di fondi.
Tre sono stati i case history selezionati dai Fundraiser professionisti per analizzare gli aspetti su cui puntare le proprie strategie di raccolta fondi: IOM, associazione attiva nell’assistenza di malati oncologici, ha raccontato in particolare la propria esperienza nella trasformazione di attività di fundraising in versione digital; On The Road, cooperativa che si occupa di assistenza a categorie fragili (come donne vittime di violenza e di tratta), ha condiviso le proprie perplessità su come reimpostare la propria campagna del 5x1000 per contenere l’effetto del dirottamento delle donazioni sull’emergenza sanitaria con una rinnovata strategia di comunicazione; Michele per Tutti, associazione che offre assistenza socio-assistenziale a bambini con disabilità intellettive e alle loro famiglie, ha ripensato la propria strategia di fundraising grazie alla crisi, che si è rivelata un’opportunità per aumentare il bacino dei suoi followers.
In generale, le raccomandazioni sono state di potenziare le competenze digitali per aumentare il potenziale di fundraising digitale, di analizzare i trend dei propri donatori per capire come fidelizzarli. Inoltre, è stato ricordato quanto sia importante in questo periodo non interrompere la comunicazione per non favorire l’insorgere di tre effetti potenzialmente dannosi: la perdita di posizionamento, lo spaesamento dei propri interlocutori e l’incapacità di osservare le reazioni di questi o di intercettarne i bisogni.
In ultimo, si è parlato di quanto sia cruciale rimanere creativi e inventare nuove partnership ibride (pubblico-privato-terzo settore) e del ruolo potenziatore della rete per mettere a disposizione tutte le risorse soggiacenti non solo quelle in denaro.
Il webinar è stato utile per individuare, nei limiti del possibile, risposte e approcci da adottare. Grazie ai docenti di Patrimonio Cultura e Scuola Fundraising Roma e a tutti i Soci di Bottega che hanno partecipato!

Clicca qui per rivedere il webinar

Webinar social business “L’innovazione economica e sociale – una strategia per il futuro”

12 maggio 2020

Il webinar ha discusso le principali questioni e criticità che stanno affrontando le organizzazioni del Terzo Settore nella raccolta di fondi.
Il webinar ha approfondito come l’innovazione economica e sociale e l’imprenditorialità sociale, in particolare, possano giocare un ruolo chiave nella rigenerazione e nello sviluppo delle nostre comunità. L’impatto socio-economico della pandemia ha messo in evidenza l’inefficacia dei modelli tradizionali e posto maggiore attenzione a nuovi percorsi da intraprendere e opportunità da cogliere.
L’imprenditorialità sociale risulta particolarmente efficace nel rispondere a bisogni sociali, spesso capace di colmare vuoti istituzionali garantendo sostenibilità. Modelli ibridi di business hanno dimostrato di saper creare valore economico e sociale, superando limiti culturali legati al concetto del profitto: creare profitto è legittimo e necessario, la maniera con cui esso viene ridistribuito nella società è l’elemento discriminante che identifica lo scopo sociale di un’organizzazione, a prescindere dalla sua natura.
I casi di ibridazione con cui siano state rilanciate con successo aree fragili confermano il potenziale di questi nuovi modelli in cui nuove collaborazioni tra settori e partenariati inediti tra soggetti diversi portino alla creazione di valore.
Numerosi gli spunti e ampia la partecipazione: Soci di Bottega (La casa di Asterione, Psy Alchimia, Suore Oblate del SS Redentore, AID, On The Road, Pagefha, City Jump, Michele per Tutti, Montegallo in Fabula), altre organizzazioni non profit, enti pubblici e mondo profit. Grazie al Prof. Riccardo Maiolini per averci guidato con professionalità ed entusiasmo in questa interessante riflessione.

Tavolo resilienza “Essere resilienti per una comunità resiliente”

19 maggio 2020

Il webinar ha discusso le principali questioni e criticità che stanno affrontando le organizzazioni del Terzo Settore nella raccolta di fondi.
Il secondo Tavolo dei Soci ha offerto un approfondimento sul tema della “resilienza” e una riflessione condivisa su come possa rappresentare uno strumento utile per gestire i cambiamenti, come quello imposto dall’emergenza covid, sia a livello individuale donando sollievo sia a livello di comunità per saper cogliere opportunità di trasformazione positiva.
Organizzato in collaborazione coi Soci Ass. Formamentis e Psy Alchimia e in sinergia con l’Ass. MinD-Mettersi in discussione, il tavolo ha visto la partecipazione di altri Soci come Suore Oblate del SS Redentore, Marche V Regio, IOM, CISI oltre che di altri componenti del mondo non profit, professionisti ed enti pubblici.
Diversi gli spunti emersi dalla riflessione guidata dalle esperte delle associazioni co-organizzatrici e dal dibattito: bambini resilienti attraverso l’esempio dei genitori, la resilienza degli adolescenti legata intrinsecamente alla loro età, la complessità nell’adattamento all’emergenza per le persone disabili, la resistenza (più che resilienza) degli anziani legata alla loro esperienza, una comunità resiliente attraverso inclusività e solidarietà che sappia cercare attraverso la rete soluzioni innovative e creative.