« Torna all'elenco post

BLOG


Uniti per ricostruire il paese e la comunità

24 agosto 2021


L'associazione "Pescara del Tronto 24/8/16" nasce a Pescara del Tronto a seguito del sisma che il 24 agosto 2016 ha devastato il territorio causando numerose vittime e ingenti danni materiali, proponendosi di combattere la dispersione della comunità e di condividere informazioni utili tra gli associati durante le fasi di emergenza e di ricostruzione.

Gli obiettivi principali riguardano da un lato la partecipazione civica per interventi di ricostruzione trasparenti, sostenendo il coinvolgimento della cittadinanza da parte delle autorità̀ e mantenendo una rete di comunicazione e coordinamento. Dall’altro lato particolare attenzione è data alla ricostruzione del tessuto sociale con la realizzazione di spazi comuni, manifestazioni culturali, progetti mirati alla professionalizzazione dei giovani del territorio e di aiuto a favore degli abitanti di Pescara del Tronto.

Subito all’indomani del sisma sono sorte le prime iniziative rispondenti al desiderio di sentirsi vicini e di tenere vivo il ricordo del paese e dei suoi abitanti con momenti dedicati alla commemorazione dei defunti, occasioni di ritrovo durante le festività e la mostra fotografica “Il mattino dopo”. L’associazione in questa fase ha anche collaborato con varie iniziative di aiuto giunte a sostegno delle comunità terremotate, come la cena solidale organizzata con il Comune di Spinetoli, il progetto “Notaract per i terremotati del Piceno”, il raduno Vespa Club di Pagliare, con il quale è stato inaugurato il parco giochi dell’area SAE, il FurgonCINEMA dell’Università di Camerino, che ha portato nei comuni colpiti dal terremoto iniziative cinematografiche con la proiezione gratuita di film.

 

 

Negli anni successivi Pescara del Tronto 24/8/16 ha continuato a impegnarsi in prima linea con iniziative proprie o collaborazioni con altre organizzazioni.

Tra le iniziative proprie ricordiamo i campi estivi per ragazzi e ragazze presso la casa parrocchiale di Cupra Marittima con la collaborazione di genitori e di educatori di ActionAid Italia. Per il 2018 si è svolto anche un campo estivo per over 60 presso l’hotel Miravalle a Colle San Marco. Pescara del Tronto 24/8/16 ha poi promosso l’Adesione al "Regolamento sulla partecipazione ai piani di ricostruzione" del Comune di Arquata del Tronto.

Altra iniziativa molto “intensa” si è svolta nella notte tra il 23 e il 24 agosto 2017 con un momento commemorativo proposto a tutta la comunità dell’arquatano per ricordare le vittime del terremoto attraverso la riflessione, la preghiera e la memoria.

 

Attiva la collaborazione con altre organizzazioni promotrici di progetti sociali come “MIA! Memoria, Identità, Ambiente” con capofila la cooperativa Ama-Aquilone, che ha proposto agli studenti percorsi formativi riguardanti le caratteristiche morfologiche, storiche, artistiche, culturali e folkloristiche del loro territorio.

 

 

Il progetto “Riscoperta” organizzato da ActionAid ha permesso di costruire insieme alla popolazione una “mappa” di Pescara del Tronto con le sue caratteristiche socio-culturali, architettoniche, di linguaggio, di abitudini facendo emergere le esperienze e le emozioni legati ai luoghi e mettendo nero su bianco ciò che rendeva speciale Pescara del Tronto per chi la abitava. Il progetto ha coinvolto i residenti nell’area SAE, i residenti dislocati, i proprietari di seconde case e tutti i cittadini dell’arquatano che volessero contribuire.

Anche il concorso idee “Dare un futuro alla memoria di Pescara del Tronto”, organizzato dall'Ordine degli Architetti di Ascoli Piceno, ha visto coinvolta l’associazione nella giuria, insieme all'architetto Stefano Boeri, Tullio Pericoli e rappresentanti del Comune di Arquata e della Regione Marche. Il concorso si proponeva la ricerca di concrete proposte progettuali di intervento nell'area del vecchio paese.

A tutt’oggi i soci di Pescara del Tronto 24/8/16 portano avanti iniziative e attività volte a perseguire le finalità associative, con una motivazione ancora forte ad essere una presenza significativa per la comunità locale.

 



Condividi questo articolo sui social